Ernesto De Martino tra fondamento e “insecuritas“

Giuseppe Cantillo, Domenico Conte

Prezzo
€ 9,99

Il volume raccoglie gli atti del convegno Ernesto De Martino tra fondamento e «insecuritas». Tragitti, snodi, confini, tenuto a Napoli, nel novembre del 2011, con la partecipazione di alcuni fra i più autorevoli studiosi demartiniani. Fondamento e insecuritas sono termini adatti a esprimere la polarità che percorre l’itinerario dell’etnologo napoletano, oggi al centro di un serrato dibattito internazionale. L’insicurezza è innanzitutto la conseguenza della crisi gravissima che ha caratterizzato l’epoca di De Martino, segnata dalle guerre mondiali, dall’avvento dei totalitarismi, dalla guerra fredda col connesso incubo atomico. Ma a ciò si accompagna, in De Martino, la percezione dell’insicurezza creaturale, che può giungere fino alla perdita dell’individualità nello scontro con le forze della storia e della natura. Da ciò consegue la necessità del fondamento, nella storia e nell’esistenza. Questo fondamento ha però perduto, per De Martino, il suo carattere metafisico e ontologico, per presentarsi ormai nella dimensione di nessi mitico-rituali dalla funzione accentuatamente difensiva e protettiva. In questa ampia cornice si inseriscono originalmente i contributi degli studiosi che hanno dato vita all’iniziativa, la cui diversa provenienza disciplinare (filosofi, storici, storici delle religioni, filologi, antropologi) costituisce la necessaria base di partenza per l’analisi di un personaggio complesso e difficile come Ernesto De Martino, pensatore della crisi e della ragione.

  • Formato Ebook

    PDF

  • Dispositivi supportati

    Kobo, Androids, iPhone/iPad, E-Readers, Computer (Mac/PC)