Navi perdute

Naomi J. Williams

Prezzo
€ 9,99

Per l’ingegnere navale Paul Mérault de Monneron niente è più sgradevole di imbarcarsi a Calais per attraversare la Manica. Come al solito, lo aspetteranno raffiche superiori ai venti nodi, onde alte come diligenze, capitani scorbutici e barcaioli disonesti. In più, stavolta, sulle spalle di Monneron grava un ulteriore tormento: un segreto impostogli dal ministero della Marina francese.

A chiunque gli chieda perché stia andando a fare incetta di bussole azimutali britanniche, telescopi notturni, termometri, farmaci anti-scorbuto e oggetti di scambio, dovrà rispondere di essere al soldo di un mercante spagnolo, tale Don Inigo Alvarez, che è in procinto di salpare per i mari del Sud. Peccato non esista nessun Don Inigo Alvarez.

La verità è che il governo francese ha chiesto a Jean-François de Galaup, conte di La Pérouse, di ripercorrere il viaggio d’esplorazione del leggendario capitano inglese James Cook. Copiarne le rotte, per emularne i successi. Per questo, augurandosi che l’Inghilterra non se ne accorga, il conte di La Pérouse ha tirato a lucido due fregate, la Boussole e l’Astrolabe, e ha assoldato duecento marinai e un folto gruppo di naturalisti, scienziati e matematici, promettendo di non fare ritorno fino a quando non avrà coperto ogni miglia di oceano navigabile. Salpate da Brest nel 1785, le due fregate raggiungono la Patagonia, doppiano Capo Horn e l’Isola di Pasqua. Dopo due anni di esplorazioni, raggiungono infine i Mari del Giappone. In seguito a un’ondata di malattie che dimezza l’equipaggio e sanguinosi scontri con i nativi, nel febbraio del 1788 la Boussole e l’Astrolabe scompaiono all’improvviso, al largo delle coste australiane.

Passeranno trent’anni prima che l’ammiraglio Jules Dumont d’Urville faccia luce sul mistero della scomparsa delle due fregate. Ricostruendo dettagliatamente le abitudini della vita marinaresca dell’epoca e i rapporti con gli indigeni, Naomi J. Williams dipinge un affresco esaltante e ambizioso sulle tracce di uno dei più grandi esploratori del Settecento. «Intelligente e suggestivo, come solo i migliori romanzi storici sanno essere» (Kirkus Review), Navi perdute è «un raro e perfetto equilibrio» tra un resoconto storico minuzioso e un romanzo d’avventura agli albori dell’era industriale.

Lo straordinario viaggio d’esplorazione di Jean-François de Galaup,

conte di La Pérouse.

«Attraverso voci e prospettive mutevoli quest’avvincente romanzo traccia la rotta della sfortunata spedizione di La Pérouse».

The New York Times Book Review

«Il romanzo storico al suo meglio… fatto di intelligenza, audacia e curiosità».

The New York Times Book Review

«Un’opera letteraria di prim’ordine, intelligente ed evocativa nel segno della migliore narrativa storica».

Kirkus Reviews

  • Formato Ebook

    EPUB

  • Dispositivi supportati

    Kobo, Androids, iPhone/iPad, E-Readers, Computer (Mac/PC)

  • Editore

    Neri Pozza

  • Categoria

    Letteratura

  • Dimensione del file

    3 MB

  • Protezione

    Adobe DRM

  • Anno di pubblicazione

    2016

  • Lunghezza

    400 pagine (edizione cartacea)

  • Lingua

    Italiano

    Tradotto da Maddalena Togliani

  • ISBN

    9788854512955