I fiori gialli dell'elicriso

Cesare Stella

Prezzo
€ 3,99

E’ il racconto di una vicenda umana racchiusa in tre giorni, con diversi flashback nel passato. E’ una storia che si lega alla ricerca dell’identità. In particolare quella dei sentimenti. Quelli che mettono insieme i due protagonisti. Legati ad uno stesso destino, che si muove inavvertito, indisturbato, da trasgressore, nelle loro vite, sino a far assumere loro la parte di predestinati.

Lui, storico e ricercatore, originario del Delta del Po, vive a Ravenna, anche se non ha mai dimenticato la sua terra. Attraverso una sovrapposizione dei ricordi. Modelli, caratteristiche esemplari, di quei luoghi che gli erano appartenuti e ancora fanno parte dei suoi elementi distintivi. Segni indelebili, significativi, di una appartenenza. Una caratterizzazione, spesso complessa, dalla quale, un giorno, aveva sentito il bisogno estremo di staccarsi. Allontanandosi, ancora giovane, dai propri legami, traslocando dalle tradizioni, fuggendo dalle proprie origini. Rivedendo il concetto stesso degli affetti. Condizionati dalla sfiducia verso ciò che rappresentava la relazione con la propria terra che non dava speranze, non trasmetteva emozioni.

Ravenna come via di fuga. Una fuga a volte illusoria ed ingannevole.

Due giorni ed una notte, per raccontare il tempo di un incontro. Un nuovo incontro con lei. Dopo quindici anni dalla fine della loro storia d’amore. Una storia d’amore segreta, des amants, che lei aveva voluto chiudere, proprio per il peso di quella clandestinità e per le difficoltà di una scelta.

Lei, giovane giornalista, che aveva negato quel loro amore per salvaguardare l’armonia degli affetti famigliari, in particolare verso il figlioletto Andrea.

Ed è sempre lo stesso destino che divide e riunisce le loro vite. Due vite separate che passano parallele, con la nostalgia del ricordo. Sino all’intreccio, dopo tanti anni, di due episodi distinti, dolorosi, estremi: uno nelle vita di lui e l’altro nella vita di lei.

Episodi che, nel loro evolversi, li collocano ancora vicini. Inconsapevolmente legati da un dono di vero amore. Un dono che cambia le loro vite.

Una lettera, per un incontro. Una lettera, come una richiesta d’aiuto Un nuovo incontro, per ritrovare, dopo la pesante prova dei loro rispettivi dolori, una riconciliazione, un essere ancora insieme, nel segno della speranza. Ancora uniti nel raffronto di due amori diversi. Nell’eterno confronto tra eros e thanatos. Con l’analisi e la ricerca della loro elaborazione. Un incontro nella terra del Delta del Po, nei medesimi luoghi dove, quindici anni prima, avevano vissuto il momento della loro separazione.

Una storia con la sua autenticità, che trova immagini e segni nella riscoperta delle specificità di quella terra e nella loro personificazione. Vissuta come l’espressione figurata di una nuova intesa. Nella rappresentazione di un simbolismo sentimentale, in cui amalgamare, riproponendoli, l’amore per una donna e l’amore per una terra. Tutto questo attraverso il simbolismo di un fiore.

L’elicriso, pianta del Delta, ed il suo fiore, in grado di curare i mali del corpo e di alleviare, attraverso la metafora dei sentimenti, le ferite del cuore e dell’anima. Nel segno del ritorno, nel segno di una rinascita.

La storia di un uomo e di una donna con il loro divenire. Dove le emozioni, la nostalgia ed il tormento dell’amore si sciolgono nella passione di un per sempre mai completamente colmato. Una storia semplice, come il fiore dell’elicriso. Alla quale porsi accanto senza affettazioni e sdolcinature, ma con una conciliante apertura alla naturalezza dell’amore ed alla sua autenticità.

Il tutto attraverso una trama e modalità espressive dello scrivere rappresentative, significanti e coinvolgenti. Nelle quali il lettore si trova trasportato da una percezione quasi visiva, scenografica, dei protagonisti e delle parti descritte che si susseguono.

Solo una storia d’amore. Con il suo dono gratuito.

  • Formato Ebook

    EPUB

  • Dispositivi supportati

    Kobo, Androids, iPhone/iPad, E-Readers, Computer (Mac/PC)